Pro veritate adversa diligere

Ed eccomi qui a partire con una nuova esperienza!
Innanzitutto voglio dire che questo post non è un proclama, una presentazione autoreferenziale, nemmeno una botta di orgoglio o la presunzione di essere chissà chi, ma una “specie” di riflessione personale che mi permetto di scrivere qui giusto per non dimenticarla mai ed andarla a riprendere tutte le volte che sarà necessario, da chiunque.
Dunque pare che, per la prima volta nella mia vita cristiana, debba partecipare al Consiglio Pastorale Parrocchiale della mia parrocchia “storica”: mi è stato recapitato il foglio da compilare per l’accettazione della nomina che fa seguito all’elenco dei votati esposto sulla bacheca in fondo alla Chiesa nella scorsa settimana, cui ha fatto seguito qualche complimento sparso (e gradito) e qualche riflessione personale che rimane custodita nel mio cuore, in quel pezzetto di sè stessi che vedono solo Lassù.
Devo riconoscere che il desiderio di collaborare in qualcosa, dopo tanti anni, si era fatto presente e si è potuto realizzare grazie alle diverse persone che mi conoscono, leggono, che hanno pensato di fidarsi di me. La riflessione, quindi, nasce proprio da un grazie sincero a dalla sottoscrizione di un impegno che voglio far conoscere a quanta più gente posso, con umiltà, sincerità e chiarezza: vado a far parte di questo organismo SOLO per tutti voi, perchè voglio che la mia parrocchia cresca grazie ai tanti laici che la frequentano e per lei spendono tempo, energie, passioni e, non ultimo, denaro. Io sono la vostra voce e quindi vi invito a contattarmi ogni volta che ne sentite la necessità e che avete qualcosa da riferire, proporre, chiarire…
Ripeto, non è presunzione, non è un programma “politico”: è la voglia di coinvolgere quanta più gente possibile come PROTAGONISTI del cammino di fede che si percorre tutti insieme!
Da parte mia mi sento solo di promettere trasparenza e disponibilità. Davvero, e di cuore, mi auguro di poter essere una buona testimone in mezzo a questi tempi complicati e burrascosi. A voi chiedo di accompagnarmi con la preghiera, l’affetto e l’amicizia. Al Signore chiedo la capacità di scalzarmi ed entrare negli altri con rispetto, delicatezza, attenzione e prudenza.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

5 thoughts on “Pro veritate adversa diligere

  1. Compagna "orante" ha detto:

    Ringrazio con te il Signore per questo nuovo servizio che offrirai! Non riceverò benefìci, perchè non sono parrocchiana. Non avrò proposte o chiarimenti da chiederti… Continuo ad accompagnarti con la preghiera e con amicizia sincera, affinchè questa nuova esperienza possa essere un’ulteriore occasione di crescita umana e di fede per te e per tutti coloro che “spendono” il loro tempo nella Parrocchia e nelle realtà ad essa collegate.
    Il Signore ti benedica e ti renda sempre più consapevole che “non cammini sola”!
    Ricorda queste parole:
    “Non siete voi che avete scelto me, ma io ho scelto voi, e vi ho destinati a portare molto frutto, un frutto duraturo. Allora il Padre vi darà tutto quel che chiederete nel nome mio. Questo io vi comando: amatevi gli uni gli altri.” (Gv 15,16-17)

  2. roby ha detto:

    Beh, che dirti? Siamo tutti in cammino, ma a volte i sentieri non vengono imboccati con la stessa voglia di fare qualcosa per gli altri, oltre che per se stessi. Sai bene, e non te lo devo certo ricordare io, che lavorare con coscienza ed impegno in alcune realtà non è mai stato facile ed anche stavolta non lo sarà. Ma so anche che non ti scoraggerai e porterai avanti le tue battaglie e quelle delle persone che ti hanno dato fiducia votandoti, condividendo le tue idee e vedendo in te il loro “capobranco” ma anche il paladino coraggioso amante della verità e dell’altruismo. Ricorda sempre che Dio non ci ha creati senza un programma preciso in testa: se ci ha dato una lingua è per usarla al meglio, se ci ha dato due occhi è per vedere anche oltre le colonne o gli ostacoli che limitano la visuale,se due orecchie in parallelo, agli antipodi della scatola cranica, è per permettere a certe frasi di entrare nei padiglioni auricolari ed uscirne subito dalla parte opposta, se un cervello….è solo per pensare, elaborare, correggere, modificare, reimpostare ogni idea……
    Nei miei 47 anni ti ho sempre vista usare tutto quanto meglio che potevi…..quindi CORAGGIO, SISTER! Quando sentirai la forza e la pazienza vacillare, ricorda il canto di tenerezza e che Dio ti solleverà e ti porterà in braccio. Anche se le mie preghiere non ti servono di certo…… ti penserò sul sentiero…..

  3. Francesca ha detto:

    Sono d’accordo con quanto hai postato su Vinonuovo!
    E complimenti per Qumran!

    • voce18 ha detto:

      Grazie, Francesca, nuova compagna di cammino, che spero di ritrovare qui o all’interno di altri luoghi virtuali! Un abbraccio e l’augurio di una buona settimana.

  4. Francesca ha detto:

    Mi troverai sempre su Vinonuovo. Perlomeno nelle discussioni che mi interessano. E su aNobii col Nick Cutty). Ciao ciao
    Francesca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Annunci
Berlicche

IL CIELO VISTO DAL BASSO

Io Amo Castiglione Olona

la distanza tra Gerusalemme ed Emmaus

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: